Category Archives: adventist singles it review

L’HuffPost, Grindr e l’ennesima stigmatizzazione di omosessuale e HIV

C’e una insegnamento, una delle tante, affinche un buon articolista (oppure chi aspira a diventarlo) dovrebbe controllare: davanti di compilare di un argomento, bisognerebbe conoscerlo. E conoscere un prova significa compitare (numeroso), dire per mezzo di esperti, approfondire senza contare stabilirsi alla esteriorita. E c’e un’altra modello: fornire contenuti cosicche alimentano stigma e discriminazioni non e moralistico. Paio regole giacche un scritto noto da HuffPost per proponimento dell’HIV viola dall’inizio alla perspicace.

HIV e omosessuale

Partiamo dall’inizio, ovvero dall’equazione HIV=gay. Uno deve aver proverbio all’autore del passo in quanto sopra gruppo c’e gente giacche fa sesso non aiutato, informato e non curante di accorrere il repentaglio di corrugare l’HIV e in quanto codesto non lo spaventa, all’opposto lo eccita. Una fatto inedita, in conclusione. E codesto taluno (sara l’ormai onnipresente “amico gay”) conosce ovvero usa Grindr, la popolare app di incontri entro maschi in quanto fanno sesso insieme altri maschi. Tutti e due, l’autore del porzione e la sua ragione, sembrano ignorare che esistono app attraverso persone eterosessuali che hanno accuratamente lo uguale obiettivo.

La rappresentazione

Insieme con sacca la sua soluzione di lezione, il redattore gragnola Grindr sul conveniente telefono. Un turno di guardia dell’articolo descrive Grindr modo nell’eventualita che non lo avesse no atto nessuno avanti d’ora. E va be’: parliamo di una inizio mainstream, e verosimile in quanto con i lettori alcuni non conoscano l’app. Ma non e codesto il segno. Il affatto e modo viene descritta. Cito fedelmente: “Qui non esistono nomi, cognomi, verso volte amico solitario l’eta. Le foto variano durante tipologia e predisposto; alcuni sono privo di figura, gente si fotografano nudi, si vedono numeroso torsi muscolosi privato di faccia”. In nessun caso fatto un circolo verso Twitter, in fin dei conti, ovvero contro Instagram. Continue reading